La Voce di Pistoia
  • 13:04 - 23/4/2014
  • 434 utenti online
  • 16273 visite ieri
  • [protetta]
  • Cerca:
In evidenza:  
PODISMO

Venerdi' 25, il giorno della “Liberazione”, in memoria del partigiano Silvano Fedi si corre a Bonelle la “Maratonina del Partigiano”, gara podistica che da quest'anno si corre sulla distanza dei 13 chilometri e non come in passato sui 21,097. Il percorso però non cambia tanto che i podisti transiteranno come sempre dal cippo del partigiano pistoiese

SCHERMA

La fase regionale della Coppa Italia, passaggio obbligato per poter accedere alla fase nazionale dalla quale usciranno gli ultimi 16 qualificati alla finale dei campionati italiani assoluti di spada (nei primi 24 qualificati ci sono già Marco Gori e Mariangela Gori), ha regalato ben sei pass agli atleti della Chiti Scherma

SCHERMA JUNIOR

Bella prestazione delle prime lame della Chiti Scherma a Imola. I ragazzini del 2004, che disputano gare promozionali, hanno infatti partecipato al circuito organizzato dal comitato regionale emiliano che ha visto la partecipazione di quasi 40 atleti. Dato il carattere promozionale, la gara ha visto misurarsi in pedana, assieme, maschi e femmine

SCHERMA UNDER 14

In vista del gran finale di stagione con i campionati italiani under 14 in programma a inizio maggio a Riccione, i ragazzi della Chiti Scherma si sono fatti valere sulle pedane di tutta Italia. Nella seconda prova nazionale del trofeo Kinder, disputatasi a Pesaro, i protagonisti sono stati Manfredi Amato e Giuliana Simonetti. 

La Giorgio Tesi Group entrerà in campo con lo striscione dell'Avis per sensibilizzare gli sportivi sul tema della donazione del sangue.
HOCKEY

L'under 21 chiude malinconicamente uno sfortunato campionato con la capolista Bologna che infligge una pesante sconfitta per 5-0 al Pistoia che purtroppo non ammette repliche

CICLISMO

Fervono i preparativi per la Gimkana Sprint, manifestazione ciclistica riservata ai più piccoli e valida anche come Memorial Franco Ballerini e Premio Edita Pucinskaite.

RUGBY

Un risultato che ha il sapore della beffa visto che gli orsi si sono trovati in vantaggio fino all'ultimo minuto sul punteggio di 15-13, ma gli ospiti sono stati bravi ad ottimizzare un errore dei pistoiesi nell’ultimo minuto e hanno una meta sul fischio finale

PER UN FESTIVAL DELLA CULTURA

Maggio e giugno scoppiettanti per Fondazione Luigi Tronci e Associazione Culturidea unite nell’intento di far comprendere e porre al centro del dibattito culturale non solo pistoiese la questione dell’incommensurabile patrimonio della Fondazione stessa

RUBRICA: "LA CULTURA VALE"

Dal 2004 opera instancabilmente in tutta la provincia di Pistoia un’associazione che prende il nome da una filastrocca di Gianni Rodari.Come lo scrittore piemontese, anche Manuela Trinci, l’energica presidente di Orecchio Acerbo, ha dedicato la sua vita al mondo dell'infanzia

PISTOIA

Il cartellone di Teatri di Confine si sposta nella settecentesca Villa di Scornio di Pistoia per ospitare una due giorni dedicata all’attore e regista Claudio Morganti, figura tra le più autorevoli e interessanti della scena teatrale

FILM
A quasi trent’anni dalla scomparsa di Enrico Berlinguer Walter Veltroni gli dedica un documentario-ricordo che forse va oltre quello che è effettivamente nella gente la memoria dello storico segretario del Pci.
IL FUNARO

Il Funaro è la Sede Italiana della Scuola dei Sensi, della prestigiosa compagnia multiculturale Teatro de los Sentidos di Barcellona, diretta da Enrique Vargas, drammaturgo, regista, ricercatore di antropologia teatrale e attore colombiano

GIALLI
Roma, 27 aprile 2012, Maria Letizia Pomarici, commessa, rientra a casa verso le 21 e trova il corpo della ragazza che divideva l’appartamento con lei in via Merulana a Roma, accucciato in terra, impiccato al termosifone del bagno.
TEATRO

Dal 27 marzo al 16 maggio 2014 al Teatro Manzoni, Piccolo Teatro Mauro Bolognini, Villa di Scornio e il Funaro Centro Culturale otto spettacoli di teatro e danza affidati a compagnie ed artisti fra i più autorevoli della scena contemporeanea

TEATRO

Sabato 22 marzo, alle 21, un autentico beniamino del pubblico, l’attore Alessandro Benvenuti, porterà al Mascagni, sull’onda del grande successo ottenuto a gennaio al teatro Manzoni, il nuovo spettacolo «Un comico fatto di sangue»

NON TOGLIETECI LA SPERANZA
IN QUESTO SOLE COSI'NUOVO, .....
Una giovane donna culla
la propria bambina.
La bambina .....
Se penso a tutti quelli che soffrono la fame mentre .....
Naufraghi di speranze, monadi sigillate che avanzano .....
Il 5 giugno 2014 ricorrerà il Bicentenario della Fondazione .....
Domani 26 Marzo 2014 Luca Sforzi compie 43 anni. La mamma e .....
Cescot Confesercenti organizza a partire dal 31 marzo il corso .....
L’agenzia Cescot Confesercenti ha aperto le iscrizioni per .....
SERRAVALLE
San Lodovico di Tolosa: il santo che salvò due volte Serravalle

9/5/2012 - 16:04

E’ stato da poco presentato il progetto di restauro dello splendido San Lodovico di Tolosa di Donatello, capolavoro in bronzo conservato presso il Museo dell’Opera di Santa Croce a Firenze; l’iniziativa è inserita in un’ampia campagna di restauri in attesa della mostra sulla scultura rinascimentale prevista nel capoluogo toscano per il 2013.
C’è un altro monumento, tuttavia, che rappresenta il giovane santo e che merita di essere ricordato non solo per il suo valore artistico, ma anche e soprattutto per quello affettivo: è la statua di San Lodovico esposta all’interno della Chiesa di Santo Stefano a Serravalle Pistoiese, attribuita dalla storica dell’arte Fiamma Domestici a Benedetto Buglioni (artista formatosi presso Andrea della Robbia e autore, tra l’altro, di alcuni ornamenti del fregio dell’Ospedale del Ceppo di Pistoia).
L’opera, restaurata dalle allieve dell’Opificio delle Pietre Dure, è particolarmente cara agli abitanti di Serravalle Pistoiese. Poche persone, del resto, sono devote al loro santo protettore come questa popolazione, per i quali San Lodovico di Tolosa non è un semplice nome sul calendario, ma l’identità e l’essenza stessa della comunità.
Alle spalle del Santo vi è una graziosa leggenda che narra come, nella seconda metà del XIII secolo, un bambino forestiero costretto a chiedere la carità avesse trovato ospitalità presso il castello di Serravalle. Quel bambino altri non era che Lodovico D’Angiò (1274-1297), figlio del re di Francia che, dopo aver rinunciato al trono a favore del fratello Roberto, indossò il saio francescano divenendo prima Vescovo e poi, dopo la morte avvenuta ad appena 23 anni, Santo. Egli si sarebbe ricordato della generosità degli abitanti di Serravalle quando, nel 1306, rispose alle loro preghiere salvandoli dal saccheggio dei Lucchesi, che avevano appena finito di razziare Pistoia. Secondo la leggenda, il Santo apparve sugli spalti del castello avvolto da una nube splendente, con una spada fiammeggiante in una mano e il pastorale nell’altra; i Lucchesi furono effettivamente respinti e Serravalle, riconoscente, fece di San Lodovico il proprio patrono, appellandosi a lui in tutti i momenti di difficoltà. Si dice che il Santo abbia salvato Serravalle anche durante la Seconda Guerra Mondiale, quando impedì la detonazione del treno carico di esplosivo che i tedeschi in ritirata volevano usare per distruggere il paese.
La ricorrenza del benevolo Santo viene celebrata solennemente ogni 19 agosto, anniversario della sua morte; da sette secoli, la tradizione si rinnova con la partecipazione affettuosa di tutta la popolazione, che da generazioni coltiva nei confronti di San Lodovico una devozione vivissima.
Giorno dopo giorno, il profondo legame che unisce Serravalle Pistoiese a San Lodovico continua ad essere testimoniato dalla bella statua di Benedetto Buglioni, che presenta il Vescovo con guanti e mitria, mentre il piviale ricopre l’abito francescano; con il braccio sinistro il Santo trattiene amorosamente il modellino del paese circondato dalle sue mura. Il messaggio è chiaro: nessuno oserà attaccare la città, finché questa sarà custodita da San Lodovico.
 
di Elisa De Montis

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: